Tag Archives: produzioni vegetali

Corso di orticoltura biologica in Valle d’Aosta

 

Corso di orticoltura biologica in Valle d’Aosta

L’Assessorato dell’ agricoltura e risorse naturali organizza, nell’ambito delle attività formative, un corso di orticoltura biologica che si terrà ogni venerdì dal 18 settembre al 16 ottobre 2009. Sono previste lezioni teoriche, che avranno luogo al Centro agricolo dimostrativo regionale di Saint-Marcel, dalle ore 16 alle ore 19, e una visita didattica, il 25 settembre, presso aziende agricole biologiche del Cuneese.

Gli argomenti delle lezioni verteranno sul confronto tra metodi di coltivazione, tecniche di coltivazione biologica di colture orticole (cavoli, porri, patate, carote, cipolle, insalate e vegetali a foglia verde), difesa biologica e conservazione delle orticole.

Al corso, curato dalla Direzione produzioni vegetali e servizi fitosanitari, potranno partecipare fino a venticinque allievi, con precedenza per coloro che operano in azienda agricola o agrituristica e l’ammissione di altre categorie a completamento della residua disponibilità. La quota di iscrizione è di cinquanta euro e il corso sarà attivato con un minimo di dieci iscritti.

Gli interessati potranno presentare domanda da lunedì 3 agosto a martedì 1° settembre 2009 all’Ufficio formazione e aggiornamento professionale dell’Assessorato, in località Grande Charrière 66 a Saint-Christophe (orario: lunedì-venerdì 9-12.30, martedì anche 14-16.30), oppure via fax al numero 0165.275204.

Il modulo di iscrizione e la locandina contenente le informazioni dettagliate sono disponibili presso l’ufficio sopraindicato e all’indirizzo internet www.regione.vda.it/agricoltura .

Per ulteriori informazioni è possibile chiamare i numeri 0165.275294 – 0165.275201.

 

Se ti è piaciuto questo post forse potresti essere interessato ai nostri blog dedicati al Turismo e all’ agriturismo in Chianti.


Confagricoltura a Lussemburgo per la manifestazione degli agricoltori europei. Vecchioni: più agricoltura in Europa

Il presidente di Confagricoltura Federico Vecchioni ha guidato la delegazione degli agricoltori italiani che hanno partecipato oggi all’imponente manifestazione di Lussemburgo, in concomitanza con la riunione del Consiglio dei Ministri agricoli europei.

“Siamo qui con le migliaia di agricoltori degli altri Paesi partner – ha dichiarato Vecchioni – perché la congiuntura sfavorevole e le pesanti condizioni di mercato che interessano molti settori stanno determinando un clima economico insostenibile per le nostre imprese”.

“Bruxelles, dopo varie riforme, sembra aver abdicato alla possibilità di intervenire sui mercati – ha proseguito il presidente di Confagricoltura – e, mentre apre indiscriminatamente le proprie frontiere, non manca di imporre vincoli e limitazioni, che significano nuovi costi, a carico delle imprese”.


Una situazione insostenibile che sta pregiudicando i redditi dei produttori dei settori zootecnici (lattiero caseario e suinicolo, oltre le carni bovine) e delle produzioni vegetali (su tutti cereali ed olio di oliva), con un forte arretramento dei prezzi all’origine ed un continuo incremento dei costi di produzione.

“Abbiamo presentato un piano di interventi al ministro Zaia – ha concluso Vecchioni – con misure da attuare a livello nazionale, ma anche in sede comunitaria. Tocca a Bruxelles ora fare la sua parte, per superare la congiuntura, ma anche per salvaguardare, in prospettiva, la dotazione finanziaria a valere del bilancio Ue. Per avere più agricoltura in Europa occorrono strumenti adeguati. E noi siamo qui a Lussemburgo per chiederli alle Istituzioni comunitarie nell’interesse delle nostre imprese e del Paese”.